L’intervento, in corso di realizzazione, si ispira alla bellezza dei luoghi, alla presenza dell’acqua, al rispetto “olistico” della sostenibilità ambientale, alla cura del corpo e al piacere di una corretta alimentazione.

Il Grand Hotel sorge all’interno di un parco esclusivamente pedonale lambito dal fiume Sarca, caratterizzato da un giardino di essenze autoctone e circondato da aree boschive di grande bellezza. Il progetto trae ispirazione dai materiali del luogo: l’acqua , la pietra e il legno, medium espressivi della soluzione compositiva.

 

Il progetto di ampliamento del centro benessere ha previsto il recupero degli spazi seminterrati del Grand Hotel Terme di Comano per accogliere un’area SPA e wellness e spazi relax che completano le dotazioni della struttura alberghiera e termale e che consentono l’apertura del nuovo centro benessere anche a utenti esterni alla struttura ricettiva.

L’intervento “apre” gli spazi interrati rimodellando il terreno verso valle per consentire il collegamento funzionale e visivo con il parco: la separazione tra interno ed esterno si smaterializza in un’ampia vetrata per enfatizzare il senso di continuità tra interno, piscine esterne, solarium e parco, per godere appieno della luce e del panorama naturali.

 

Il centro ha declinato, tra spazi interni ed esterni, un mondo composto di tutte le trasformazioni possibili dell’acqua da scoprire in un percorso articolato ma armonico, sinuoso, seguendo il ritmo dolce dei colori della natura.

Il nuovo ingresso al centro benessere distribuisce da un lato gli spogliatoi aggiunti per gli utenti esterni e dall’altro dà accesso al percorso benessere: l’attuale centro benessere viene trasformato per accogliere l’area per famiglie, con spazi per bambini, uno spazio più vivace e rumoroso e proprio per questo più confinato e una private spa, uno spazio wellness privatizzabile in alcune situazioni per feste private o nudismo. Nell’ampliamento il percorso segue le variazioni cromatiche delle pareti. Sul lato sinistro, dominato dai toni caldi delle terre si sviluppano le aree tematiche legate appunto al caldo: stanza del fuoco, stanza del mare, stanza del sole e stanze d’oriente, con docce tropicali, docce emozionali, hammam, rhassoul e area massaggi. Sul lato destro, caratterizzato dai toni freddi, si hanno le stanze del nord con la sauna finlandese, la sauna del fieno e la cabina della neve fino ad arrivare all’acqua della piscina principale e oltre agli spazi relax dominati rispettivamente dalla luce e dal buio e da diverse stimolazioni sensoriali: nella stanza della luce prevalgono le stimolazioni visive e acustiche, nel buio quelle tattili e olfattive.

 

Per le vasche si è scelta una soluzione costruttiva in acciaio inox, sia in ragione dell’assenza di manutenzione e del lunghissimo ciclo di vita che per la sua “neutralità”, capace di restituire quell’effetto del verde-turchese dell’acqua come appare in natura. Il passaggio in acqua tra piscina interna ed esterna avviene senza soluzione di continuità, così che il dialogo tra gli specchi di acqua calda, i vapori e più in là il fiume Sarca non viene interrotto.

Il solarium esterno, con il deck in legno e un’area relax con camino, è delimitato dai muri di contenimento necessari a compensare i dislivelli del terreno, mitigati dalla creazione di verde tecnico verticale e che integrano l’accesso ai servi esterni e ai depositi, nonché i percorsi di collegamento alla piscina esterna esistente e all’ampliata terrazza bar-ristorante.

 

Il progetto prevede l’organizzazione di due lotti di intervento: il primo, in fsae di realizzazione, rivolto alle aree esterne per l’organizzazione delle piscine ludiche e degli spazi “en plein air” e il secondo che riguarderà lo spazio wellness interno.

 

2018

 

ATTIVITA’ SVOLTA: Progettazione completa e direzione artistica

COMMITTENTE: Azienda Consorziale Terme di Comano (ACTC)

PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA: Atelier2 – Arch. Valentina Gallotti – Milano con BianchettiArchitettura SA – Arch. Fabrizio Bianchetti – Omegna (VB)

PROGETTO IMPIANTI: Digierre 3 – Bergamo

CONSULENTE SOSTENIBILITA’: Prof. Ing. Marco Imperadori

DIREZIONE LAVORI: BianchettiArchitettura SA – Arch. Gabriele Medina con Ing. Stefano Rossi, Ing. Franco Zanca (Pools’ Engineering)

COLLABORATORI: L. Antinori, F. Brunone, M. Corbani, M. Cucuzza, R. Firino, V. Iovino, L. Sacchi, S. Scrollavezza, P. Trivini